lunedì 24 marzo 2014

MotoGP: è tornato il Valentino Rossi di qualche anno fa?

Valentino Rossi - Qatar 2010
A molta stampa sportiva piacciono tanto gli eroi, i super campioni, le loro cadute, il loro ritorno. Da quando tre anni fa Rossi è passato alla Ducati non è passato giorno senza leggere che il campione di Tavullia era finito. Ma non appena mette il piede sul podio eccolo risorto e tutti ad incensarlo.
Rossi è un grande campione che ancora può darci delle gioie immense, ma rimaniamo con i piedi per terra.
I fatti: Valentino Rossi è arrivato secondo nel GP del Qatar, sulla pista di Losai, subito dietro Marc Marquez, al quale ha conteso la vittoria fino alle ultime curve dando luogo ad un duello entusiasmante.
Terzo Daniel Pedrosa a poco più di tre secondi.
Lorenzo è caduto quando era in testa e stava cercando la fuga, come pure Bradley Smith, anche lui fra i primi al momento della caduta.
Lo scorso anno su questa pista vinse Lorenzo, con un vantaggio di quasi sei secondi su Rossi e Marquez, quarto Pedrosa a dieci secondi dal leader.
Quindi dallo scorso anno, a parità di pista, non sembra sia cambiato molto: Lorenzo è caduto ma avrebbe potuto vincere, Marquez si è preso la rivincita su Rossi che pur lottando alla pari si è dovuto arrendere al pilota spagnolo mentre nel 2013 aveva avuto la meglio anche grazie alla minore esperienza del giovane avversario. Pedrosa un po' più dietro a guardare quello che succedeva davanti.
Senza contare che nella gara di domenica scorsa poteva esserci anche Smith sul podio.
Se guardiamo le qualifiche, lo scorso anno in Qatar Rossi fu settimo ad un secondo da Lorenzo, quest'anno decimo a poco meno di sei decimi da Marquez, ma senza le moto open che possono sfruttare in qualifica gomme più morbide, probabilmente la situazione sarebbe stata la stessa. L'unico dato che emerge con chiarezza dal confronto è la netta diminuzione del distacco dal compagno di team in Yamaha, ma Lorenzo aveva avuto un approccio alle prove decisamente problematico
A sentire Lucchinelli, commentatore ospite del salottino allestito da Cielo TV, Rossi sembra guidi in maniera di versa, stia in moto in maniera più simile a Marquez, ma non è detto che la sua guida sia più efficace.
E allora di cosa stiamo parlando? Bella gara di Rossi ma prima di parlare di rinascita e lotta per il titolo bisogna aspettare altre gare ed altre conferme!
L'unica conferma, per ora, l'ha data Marquez, che pur in condizioni fisiche non perfette, sembra abbia tutta l'intenzione di bissare il successo del 2013 partendo da +25 rispetto a Lorenzo conto i -10 punti dello scorso anno. La prossima gara americana, sul circuito di Austin, potrebbe darci o meno le prime conferme.
In ogni caso, Forza Vale!
Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.