Novità Formula 1 2014: il ritorno del motore turbo

Questo campionato segna il ritorno del motore turbo.
Dal 2006 al 2013 in Formula 1 tutte le scuderie hanno utilizzato motori aspirati con otto cilindri a V di 90° e cilindrata di 2 400cm³ che hanno sostituirono i precedenti motori a 10 cilindri e 3000cm³ di cilindrata.
Il motore turbo fu introdotto dalla Renault nel 1977 e successivamente adottato dalla maggioranza delle scuderie. La potenza di questi motori aumentò di anno in anno fino a raggiungere per alcune scuderie i 1200 1200 CV.


Al fine di limitare le prestazioni dei motori turbo furono introdotte progressivamente delle norme regolamentari come il limite sul  quantitativo carburante e la pressione di sovralimentazione. Nel 1989 la FIA pone fine all'era del turbo vietando l'uso dei motori sovralimentati.

Le nuove regole per il campionato 2014 di Formula 1 prevedono l'utilizzo di motori 1.6 litri V6 turbo, con un regima massimo di rotazione di 15.000 giri al minuto. Mentre il precedente motore V8 aveva una potenza di circa 750 CV, il nuovo motore sovralimentato avrà una potenza di 600 CV a cui vanno aggiunti i 160 cavalli del nuovo dispositivo di recupero di energia, l'ERS (Energy Recovery Systems).

Il nuovo dispositivo oltre che recuperare energia cinetica come già faceva KERS, recupera energia tramite il calore residuo del turbocompressore. A differenza del KERS, che dava 80 CV extra per poco più di sei secondi al giro l'ERS offre ai piloti 160 CV per circa 33 secondi al giro.

Un'altra novità riguarda il cambio che da sette rapporti passa ad otto.

Per compensare il maggior perso dell'unità motrice (power unit) il peso minimo viene innalzato da 642 kg a 690 kg.

Differentemente da quanto avveniva in precedenza dove sono stati usati due terminali di scarico, i regolamenti 2014 impongono l'uso di un unico tubo di scappamento che deve essere inclinato verso l'alto per evitare che il flusso di scarico venga utilizzato per migliorare l'aerodinamica. Inoltre, la carrozzeria non può essere posizionata dietro il tubo di scappamento.

Commenti

Articoli collegati