Grillo twitta: Bersani firma qui!

Meno di 24 ore fa Beppe Grillo ha lanciato a Bersani una sfida: rinunciare ai rimborsi elettorali.
E la ho fatto a modo suo, via Twitter. Sfidando il segretario del PD a sottoscrivere la rinuncia da parte del suo partito (a favore dell'erario) dei quasi 49 milioni di euro di rimborsi elettorali che gli spetterebbero. Il Movimento 5 Stelle ha già d'altra parte dichiarato di rinunciare alla loro quota di rimborsi, poco meno di 43 milioni di euro.
L'hashtag #BersaniFirmaQui è ovviamente diventato popolarissimo con migliaia di variazioni sul tema, dalle più ingenue e anche stupide alle più esilaranti e pungenti.



All'interno del PD la stessa sfida l'aveva lanciata poco prima il sindaco Matteo Renzi, al quale però molti all'interno del Partito Democratico rinfacciano il fatto di non aver mai pubblicato la lista dei finanziatori della sua campagna alle primarie, come aveva promesso di fare entro 90 giorni.

Sarà capace Bersani (ed il PD) di dare una risposta positiva alla sfida lanciatagli da Renzi e da Grillo?

Ed una rinuncia completa sia ai finanziamenti pubblici (contro cui gli italiani si sono già pronunciati tramite referendum) che ai rimborsi elettorale (furbescamente reintrodotti dal sistema partitocratico) siamo sicuri porti ad una politica migliore?
Di sicuro dopo tutti gli scandali che fanno visto protagonisti i vari Lusi, Fiorito etc, la gente, che a fine mese spesso non sa come far quadrare i conti, davvero non ne può più.

Probabilmente, in questo momento, rinunciare ai rimborsi elettorali sarebbe la scelta più opportuna.

E non sarebbe la morte del PD, basterebbe che gli eletti cedessero al partito una quota del loro stipendio: con qualche sacrificio e la riduzione dell'apparato burocratico si può fare: sarebbe un grande segno di cambiamento e di amore per il paese

Fonti/Link:
http://leonardo.com.unita.it/politica/2013/03/12/renzi-e-quei-finanziamenti-che-non-sono-ancora-on-line/
http://www.qualcosadisinistra.it/2013/03/10/finanziamento-pubblico-ai-partiti-i-pro-e-i-contro-dellabolizione/

Commenti

Articoli collegati