La sorpresa si chiama Lotus-Renault

Mancano 15 giri alla fine e comunque vada questo Gran Premio del Bahrein la sorpresa è sicuramente la Lotus Renault, che al momento è seconda con Raikkonen e terza con Grosjean.

In testa con una manciata di secondi, c'è Vettel.

Le coronarie di chi ha scommesso su Raikkonen sono a rischio: la quota è di 50:1 o anche superiore! Raikkonen aveva vinto il suo ultimo Gran Premio nel 2009, in Belgio.
E' ritornato a correre in Formula1 dopo due anni di assenza in cui si è dedicato ai Rally, riuscendo anche ad ottenere qualche buon piazzamento a punti. In quanto alle Ferrari si trovano poco dopo il decimo posto. 


Di buono c'è la cattiva prova di Hamilton che non dovrebbe prendere molti punti ed in questi giri in lotta proprio con le Ferrari per quello che potrebbe essere al massimo un sesto posto.

Qualche segno di ripresa da parte di Massa, che su questo circuito in passato ha anche vinto. Rosberg si è difeso un paio di volte da Hamilton e Alonso, portando l'avversario al bordo esterno destro del rettilineo e a mio avviso avrebbe dovuto essere penalizzato.

A 4 giri dalla fine  Alonso è ottavo insidiato da Hamilton, segue Massa.

Rosberg ha appena conquistato la quinta posizione, scavalcando di Resta. Quarto sempre Webber, settimo Button.

A tre giri dalla fine Button fora una gomma  e viene scavalcato dalle Ferrari e da Hamilton

Di Resta è in difficoltà e forse Alonso lo potrebbe raggiungere, ma deve stare attento ad Hamilton molto vicino.

Ultimo giro: Button si ritira, in testa non cambia niente:

Vince Vettel, davanti a Raikkonen, Grosjean, Webber, Rosberg, di Resta, Alonso, Hamilton, Massa,  Schumacher

La classifica mondiale:
Vettel 53, Hamilton 49, Webber 48, Button 43,  Alonso 43, Rosberg 35, Raikkonen 34

Nella foto (RAI1) la buona partenza di Massa

La Ferrari dopo le prime quattro gare, torna con un bottino migliore del previsto e limita i danni. Massa ritorna a fare un qualche punto e magari ritroverà il sorriso.

E' ritornata fortissima la Red Bull, un po' ridimensionate McLaren e Mercedes. Si inserisce fra i primi la Lotus-Renault



Commenti

Articoli collegati