Un nastro bianco per il Tibet

Avrà il coraggio qualche atleta di sfidare un miliardo e passa di cinesi e indossare un nastrino bianco per il Tibet?


Nel mio post
No al boicottaggio delle Olimpiadi Si alla protesta avevo ipotizzato l'adozione di un piccolo scudetto del Tibet da parte degli atleti, come forma di protesta da adottare secondo coscienza.

Il direttore de "Il Riformista", Antonio Polito, ha rilanciato questa mia proposta proponendo l'adozione da parte degli atleti di un nastro bianco, come segno di lutto per la situazione in Tibet

Se atleti di paese diversi adottassero lo stesso simbolo di protesta sarebbe davvero difficile per la censura cinese nascondere il messaggio o cambiarne il significato agli occhi dei loro telespettatori

Commenti

Articoli collegati