mercoledì 2 ottobre 2013

Tira aria di primavera in Iran!

Dice il proverbio: "Una rondine non fa primavera"
Ma se il presidente iraniano Hassan Rouhani cinguetta su Twitter con il suo fondatore, Jack Dorsey, forse in Iran tira davvero aria di primavera.
Dopo la rielezione dell’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad nel 2009 le restrizioni all'uso di Internet e dei social media erano aumentate.
Ma lo scorso agosto Rouhani è stato eletto presidente e ben presto si è potuta constatare la sua maggiore apertura verso l'occidente.

Storica la telefonata con Obama della scorsa settimana visto che i presidenti dei due paesi non si parlavano direttamente dal 1979.
Sempre la scorsa settimana, in una intervista rilasciata  alla giornalista della Cnn Christiane Amanpour, il presidente iraniano ha parlato di social network a disposizione a livello globale e del diritto degli uomini e delle nazioni a  usarli.

Facendo riferimento a questa intervista il fondatore di Twitter ha twittato
@HassanRouhani Good evening, President. Are citizens of Iran able to read your tweets?

Ebbene il presidente Rouhani  gli ha risposto via Twitter
Evening, @Jack. As I told @camanpour, my efforts geared 2 ensure my ppl'll comfortably b able 2 access all info globally as is their #right.
Non resta che vedere se il nuovo presidente dell'Iran terrà fede alle sua promesse.
Intanto riporto la risposta di Jack Dorsey:
@HassanRouhani thank you. Please let us know how we can help to make it a reality.
Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.