La prima Repubblica di Checco Zalone dal film Quo Vado: video e testo della canzone

Luca (Pasquale) Medici, in arte Checco Zalone, 38-enne poliedrico artista barese, sta sbancando i botteghini con il suo ultimo film Quo vado, uscito nelle sale a Capodanno, pellicola che dopo solo tre giorni ha già incassato oltre 22 milioni di euro.
Nel 2013 il film "Sole a Catinelle" dello stesso Zalone, incassò oltre 52 milioni di euro, secondo miglior incasso assoluto in Italia, cifra che sembrerebbe ampiamente alla portata di Quo vado e non sembra inattaccabile il record assoluto di incasso, detenuto da Avatar che nel 2009 incassò 65 milioni di euro.
Quo vado parla di un impiegato statale disposto quasi a tutto per difendere il suo posto fisso. Colonna sonora del film la canzone "La prima Repubblica" che Checco canta imitando la voce e lo stile di Celentano, in una sorta di cover del brano "Un albero di trenta piani" di Adriano Celentano (1972).
Zalone ha ricevuto le lodi sperticate dello stesso Celentano espresse (oggi 4 gennaio 2016) in un articolo pubblicato dal Corriere della Sera  dice fra l'altro "se uno incassa 7 milioni di euro in un giorno, significa una cosa sola: che questo Checco ha qualcosa che gli altri non hanno". "l’intellettuale Zalone sfoderando l’arma della sua intatta purezza, ti fa «scompisciare» dal ridere"  e riferendosi a "La prima Repubblica" scrive "un brano che lui stesso ha scritto, concedendomi l’onore, come più volte ha dichiarato, di essere io il suo mito"

Testo del brano La prima Repubblica di Checco Zalone:

La prima Repubblica 
non si scorda mai 
la prima Repubblica 
tu cosa ne sai

Dei quarantenni pensionati 
che danzavano sui prati 
dopo dieci anni volati all'aeronautica 
e gli uscieri paraplegici saltavano 
e i bidelli sordo-muti cantavano 
e per un raffreddore gli davano 
quattro mesi alle terme di Abano 
con un'unghia incarnita 
eri un invalido tutta la vita (tutta la vita)


La prima Repubblica 
non si scorda mai 
la prima Repubblica 
tu cosa ne sai

Dei cosmetici mutuabili 
le verande condonabili 
i castelli medioevali ad equo canone 
di un concorso per allievo maresciallo 
sei mila posti a Mazzara del Vallo 
ed i debiti (publici) s'ammucchiavano 
come i conigli 
tanto poi 
eran cazzi dei nostri figli

Ma adesso vogliono tagliarci il Senato 
senza capire che ci ammazzano il mercato (e si perché)
senza Senato non c'è più nessun reato 
senza reato non lavora l'avvocato 
il transessuale disperato 
mi perde tutto il fatturato 
ed al suo posto c'è un Paese inginocchiato

Ma il Presidente è toscano 
e l'è un gran burlone 
ha detto 'eh, scherzavo' 
piuttosto che il Senato 
mi taglio un coglione

La prima Repubblica 
non si scorda mai 
la prima Repubblica 
era bella assai 
la prima Repubblica 
non si scorda mai 
la prima Repubblica 
tu che ne sai 

"La prima Repubblica" è anche un singolo pubblicato per l'etichetta pugliese Officina Musicale il 20 dicembre e  disponibile per il download digitale a 0,69€ su iTunes e Google Play

Commenti

  1. Ecco come la penso io: http://lemilleeunablogger.it/index.php/recensioni/15-recensione-quo-vado-2016

    RispondiElimina

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.

Articoli collegati