Nuovo interesse in India per la fusione fredda


Alcuni dei principali scienziati nucleari indiani, stanno sollecitando il nuovo governo del Primo Ministro  Narendra Modi a riprendere le ricerche sulla fusione fredda, dicendo che questa avrebbe il potenziale
di dare risposte ai problemi energetici della loro nazione.

Negli anni '90 il Centro di Ricerche Atomiche di Bhabba (BARC) a Mumbai ha eseguito alcuni esperimenti sulla fusione fredda (cold fusion), ora chiamata Reazioni nucleari a bassa energia o LENR (Low Energy Nuclear Reactions), ma ha abbandonato le ricerche nel 1996.

"Stiamo effettuando uno sforzo frenetico per rilanciare le ricerche sulla fusione fredda / LENR in India" ha dichiarato lo scienziato nucleare Mahadevan Srinivasan all'agenzia IANS "L'ex presidente della Commissione per l'Energia Atomica Srikumar Banerjee mi sta fortemente sostenendo (in questo sforzo)"
Mahadevan Srinivasan ha guidato, con lo scomparso  P.K.Iyenga, le precedenti ricerche sulla fusione fredda al BARC.

Il rivista "Current Science", pubblicata dall'Accademia Indiana delle Scienze, con sede a Bangalore, ha proposto di mettere in evidenza una sezione speciale sulla fusione fredda in uno dei prossimi numeri, con il contributo di scienziati che lavorano in questo settore.

«Sto cercando di ottenere dal Primo Ministro Modi la nomina di una task force per studiare la fusione fredda e che lo consigli sulla linea d'azione da seguire", ha detto Srinivasan, aggiungendo di aver avuto un incontro faccia a faccia con il Ministro dell'Energia Piyush Goel la scorsa settimana su questo argomento.

Il processo di fusione termonucleare - come quello che alimenta il Sole - si svolge in condizioni estreme di temperatura in cui il nuclei di l'idrogeno (o dei suoi cugini più pesanti deuterio e trizio) di fondono (in nuclei di elio) rilasciando energia.

Il 23 marzo del 1989, Martin Fleischmann e Stanley Pons,  presso l'Università dello Utah negli Stati Uniti,  hanno sorpreso il mondo con la loro pretesa di avere osservato la fusione tra nuclei di deuterio in un reticolo di palladio a temperatura ambiente.

Ma gli scienziati tradizionali di tutto il mondo hanno respinto queste affermazioni sulla fusione a temperatura ambiente e giuidicate errate  le conclusioni sperimentali.

Il team di BARC che ha replicato il loro lavoro nei primi anni 1990 ha dimostrato che la reazione studiata dai due fisici  dell'Università dello Utah ha effettivamente prodotto trizio ed elio indicando che la fusione fredda era reale.

Ma un ulteriore lavoro sulla fusione fredda al BARC è stato chiuso "sotto la pressione generale degli altri scienziati", ha detto Srinivasan.

Secondo lo scienziato indiano la ricerca sulla fusione fredda ha bisogno di essere riavviata poiché "cose molto interessanti stanno accadendo in questo campo" e persone come Bill Gates" - che il 12 novembre fa visitato un laboratorio italiano per osservare gli esperimenti LENR in corso" - "stanno seriamente pensando a finanziare la fusione fredda / LENR ".

Srinivasan ha detto che i recenti progressi tecnologici hanno portato allo sviluppo di reattori LENR delle dimensioni di una valigia, che possono essere prodotti in serie.

Il carburante per questi nuovi "reattori" - denominati Energy Catalyzer o "Ecat" dal suo inventore italiano Andrea Rossi - è l'economico nichel in forma di "nano" polveri appositamente preparate tramite esposizione a gas idrogeno ordinario.

Rossi ha dato dimostrazione di un gruppo da 10 KW presso l'Università di Bologna nel gennaio 2011, alla presenza di circa 50 invitati. Seguito dalla dimostrazione di un boiler ad acqua da 1-MW,  ha detto Srinivasan.

"Dal momento che Rossi non ha pubblicato il suo lavoro in forma di articoli scientifici su riviste, la comunità scientifica non è a conoscenza di questo sviluppo."

Srinivasan ha detto che un centro di ricerca ed una eventuale base di produzione per questi reattori sono stati realizzati a Baoding in Cina orientale e che almeno due società hanno annunciato il probabile rilascio sul mercato di reattori LENR da molti Kw durante il 2015.

"Ognuno  di questi generatore LENR collocato in villaggio,  e che alimenti una micro rete locale può fare miracoli", afferma Srinivasan, aggiungendo che si possono anche immaginare trattori alimentati da fonti LENR in futuro.
Si spera che il nuovo governo prenda conoscenza di questo innovativo sviluppo e adotti le misure necessarie per promuovere questa nuova tecnologia in India", ha concluso lo scienziato.

da Modi government urged to revive cold fusion

Commenti

Articoli collegati