Nona Giornata della Memoria: breve storia e significato

Il 27 gennaio si celebra per la nona volta il "Giorno della Memoria".

Il "Giorno della Memoria" è stato istituito con la legge 211 del 20 luglio 2000 al fine di ricordare,

(il Governo Italiano ha all'epoca aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata per la commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo (nazismo) e del fascismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati)

da una parte, la data (27 gennaio 1945) dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz e commemorare la Shoah (in ebraico: “catastrofe”, “distruzione”, “desolazione”), le leggi razziali, la persecuzione, la deportazione, la prigionia e lo sterminio dei cittadini ebrei,

dall’altra, tutti coloro che pur in campi e schieramenti diversi si opposero a quel folle progetto di genocidio, non esitando a salvare altre vite e a proteggere in condizioni difficili i perseguitati, anche mettendo a rischio la propria vita.

Commenti

Articoli collegati