Disdici il Canone RAI per la legalità nelle istituzioni


Clicca sul banner per leggere nei dettagli l'iniziativa dell'ADUC

Il diritto all'informazione pubblica dovrebbe essere garantito a tutti dallo stato.

Le risorse dovrebbero venire dalla pubblicità (usata con parsimonia) e dal monte degli introiti fiscali, senza una specifica tassa che trovo alquanto obsoleta.

(si fa riferimento ad una legge del 1938!)

L'informazione viaggia ormai su tanti canali e pretendere che si paghi il canone perché si è in possesso di un apparecchio TV dove molti nemmeno guardano i canali RAI mi sembra assurdo.

Pretendere addirittura il pagamento da chi ha un PC perché potrebbe anche utilizzarlo, magari con una scheda aggiuntiva, per vedere la TV mi sembra invece del tutto ridicolo.

E per giunta la RAI segue spesso strane logiche di lottizzazione, che niente hanno a che fare con la trasparenza dell'informazione

Technorati Tag:

Commenti

  1. DolceAmaraMelannas1 dicembre 2008 00:17

    Sei grande!!! Quasi quasi ti chiamo al mio fianco per combattere contro le iniquità di questo nostro bel Paese....che ne dici? Che fine farebbero fare a noi due? ^_^ Baci.

    RispondiElimina
  2. Ciao DolceAmara .... potrebbero anche metterci nella stessa gabbia! Poi facciamo i passerotti :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.

Articoli collegati