Appello alla Camorra

Egregi Signori,
come nativo della Campania e cittadino italiano mi appello al Vostro amor proprio per risolvere il problema dello smaltimento rifiuti a Napoli.

Posso capire qualche ammazzatina fra di Voi (non sempre si può andare d'accordo)
Posso capire il pizzo (in fin dei conti le assicurazioni le paghiamo tutti)
Posso capire il commercio della droga (è una questione di domanda e offerta)
Posso capire tante altre cose.
Ma che vogliate far vivere Voi ed i Vostri cari, Voi ed i Vostri Amici, sommersi da montagne di rifiuti proprio non lo capisco!
Che non abbiate minimamente a cuore la Vostra terra proprio non lo capisco!
E proprio non capisco chi ancora a Voi porta rispetto, chi ancora vi considera esseri umani:
siete solo feccia, senza tradizioni e senza rispetto.
Vi è rimasto poco tempo per cercare in voi quel briciolo di dignità e di umanità che forse ancora vi resta, prima che tutti comprendano che razza di animali siete.


Un mio commento sul blog di Saco http://blog.libero.it/salius/4818663.html
Inviato da SdoppiamoCupido il 05/06/08 @ 09:09 via WEB
Io credo che il primo cambiamento deve essere nella gente. Sicuramente il primo colpevole di tutto è lo stato e tutta la banda di corrotti e corruttibili che ha imperversato su Napoli, ma fin quando la gente considera la camorra un'alternativa allo stato, fin quanto la gente non avrà schifo di queste persone, il problema non si risolve! E ora deve essere evidente a tutti che la camorra è un cancro che alimenta solo le sue cellule e non il territorio e la gestione dei rifiuti lo dimostra. Gente che per qualche Euro nasconderebbe l'amianto nel materasso della madre! Lo stato non ha fatto molto per essere amato a Napoli, anzi non ha fatto niente anzi peggio che niente, ma fin quando in certi quartieri la polizia ed i caribinieri non possono entrare, il problema dell'immondizia non si risolverà. A meno che gli stessi capi camorristi non si rendano conto che è il caso di ripulire almeno le strade!

Commenti

Articoli collegati