giovedì 28 gennaio 2016

Fabio Fazio cita l' "apertura celestiale" in uno spot TIM e nel web si scatena la ricerca - Presunta Etimologia

apertura celestiale
Quasi diecimila visite in una settimana, duemila in un solo giorno, sono dei numeri che raramente gli articoli che pubblico sul mio blog riescono a raggiungere.
Le vittorie consecutive della Juventus hanno portato un mio articolo del 6 gennaio 2014 a superare le 1800 visite in un giorno. Ho scritto di recente e lo scorso anno articoli più aggiornati sull'argomento, ma la ricerca Google indirizza la stragrande maggioranza dei visitatori di questo blog che si interessano all'argomento su quel particolare articolo e non su quelli più recenti e non sono ancora sicuro di averne compreso il motivo, comunque mi aspettavo di ricevere un numero considerevole di visualizzazioni del citato articolo.
Mentre del tutto inaspettato, anche se sempre chi scrive spera di toccare la corde giuste più di Google che dei lettori, è stato il grande numero di persone che ha visto il mio articolo in cui parlo dello spot Tim con Fabio Fazio,
Simili spot della TIM sono stati trasmessi in televisione con protagonisti Pif, al secolo Pierfrancesco Diliberto (del quale per altro ho parlato in una ventina di articoli) e Tim Berners-Lee,  l'inventore del web.Questi tre spot fanno parte della stessa campagna TIM e non credo che le frequenze di passaggio in televisione siano state così diverse da giustificare un quantitativo di visualizzazioni oltre dieci volte maggiore nel caso dello spot con protagonista il bravo conduttore e giornalista Fabio Fazio.

Né  tanto meno può essere la maggiore popolarità di quest'ultimo a giustificare le visualizzazione dell'articolo in cui parlo dello spot che lo vede protagonista visto che, di solito, più un personaggio è famoso più aumentano le fonti internet che contendono al mio blog i visitatori che cercano di soddisfare la loro curiosità.

Fazio sulla balconata del MMM  Corones
E sta proprio nella curiosità, quella suscitata da uno spot trasmesso in TV, il motivo che spinge ad usare internet, da un pc, un tablet, sempre più spesso da uno smartphone, per soddisfare le proprie domande o per colmare la propria ignoranza, e proprio la "mia" ignoranza ha fatto si che il citato articolo ricevesse tante visite.
Spesso a motivare queste ricerche sono curiosità relative alla colonna sonora o ai protagonisti di uno spot oppure ad una particolare location.

Nel caso dei tre citati spot TIM la colonna sonora è la stessa, Last Goodbye del cantautore statunitense Jeff Buckley, mentre è abbastanza particolare la location dalla quale Fazio parla, location che per altro io non ero riuscito ad individuare, svelatami da due commentatori.
Si tratta della balconata del Messner Mountain Museum - MMM - Corones sul Plan de Corones in provincia di Bolzano,

La location è infatti uno dei due fattori che ha spinto molti a visitare al mio blog, come emerge da varie stringhe di ricerca che hanno portato a quell'articolo:

Rimane da capire quale potrebbe essere stato questo fattore: esaminando le statistiche relative alle parole utilizzate per arrivare al mio blog emerge chiaramente ai primi posti la frase "apertura celestiale", citata da Fazio nello spot.

Vedete, io ho la consuetudine di trascrivere spesso i contenuti audio degli spot così fra le altre parole dette dal noto conduttore ho trascritto anche le seguenti: "Nel nostro primo anno di vita possiamo interpretare suoni e lingue diverse anche senza conoscere una parola. Questo momento viene chiamato "apertura celestiale" ed è quel periodo in cui ognuno di noi ha più connessioni con il mondo di quante ne avrà mai da adulto."

E poiché non conoscevo il significato di "apertura celestiale" l'ho ricercato su internet aggiungendo qualcosa, alle parole del conduttore:
"... la voce di Fazio ci parla di quel periodo della prima infanzia che gli scrittori e i poeti hanno descritto come "apertura celestiale", in cui la capacità di apprendere una nuova lingua non ha paragoni con la nostra vita da adulti.

Spot tv: TIM, Il futuro firmato Telecom Italia con Fabio Fazio - 40''


Ma qual'è l'etimologia di "apertura celestiale"?
Cercando un po' su internet sono arrivato a questa pagina in inglese sul portale ted.com
The linguistic genius of babies di Patricia Kuhl
Dai commenti a questo articolo sembra che sia stata lei a coniare la frase  "celestial openness" forse traducendo da un altra lingua.
"And what we're learning is going to shed some light on what the romantic writers and poets described as the "celestial openness" of the child's mind."
Il termine scientifico corrispondente dovrebbe essere neuroplasticità attribuita alla proliferazione sinaptica degli infanti.



Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.