venerdì 1 giugno 2012

Fiducia in Monti e nel governo al minimo


(AGENPARL) - Roma, 01 giu - È ancora in discesa la fiducia degli italiani in Mario Monti, che arrivando al 34 percento – il minimo storico dall’inizio del suo mandato - perde due punti percentuali rispetto a sette giorni fa. È emerso da un sondaggio Swg realizzato in esclusiva per Agorà, su Rai Tre. Secondo Roberto Weber, presidente dell’Istituto Swg, sarebbe stata impopolare “la battuta sul calcio, vale a dire la proposta di sospendere il campionato per due-tre anni in relazioni agli scandali del calcio scommesse. Poi, certo, sono pesate anche altre componenti”. Per quanto riguarda la fiducia nel governo, secondo l'Swg sarebbe ancora più bassa, attestandosi al 28 percento.
In risposta ad un commento ho espresso la mia opinione sul governo Monti che qui riporto parzialmente corretta:
Questo governo è un governo tecnico che si è preso la briga di prendere decisioni impopolari che altri governi non avrebbero preso: a mio modesto avviso l'unica alternativa al governo Monti è abbandonare l'Euro: ma si tratta di un salto nel buio assoluto.
Si poteva forse tassare meno ma saremmo giunti in breve al dafault (fallimento dello stato)
Si sarebbero dovuti tassare di più i grandi patrimoni improduttivi e prendere altri soldi dagli scudati.
Il governo dovrebbe fare più pressioni sull'Europa per un cambio di strategia, più soldi e meno rigidità sui bilanci. Se crolla l'Italia crolla tutta la zona Euro e questo soprattutto la Merkel che si oppone agli Euro bond lo dovrebbe sapere.
Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

3 commenti:

  1. credo che questo governo debba lasciare , siamo sommersi di tasse , io nn dico che nn bisogna essere solidali per i terremotati, ma i soldi li devono dare loro chi e' al governo adesso e subito e bloccare ogni tassa togliere IMU , insomma trovare fondi altrove, il governo deve capore che si deve tassare LUI e tutte le volte che ci sono proposte per decurtazioni su diloro , guarda caso nn voglionio VERGONA , questa e' una guerra per l'italia sia economica che ambientale la terra si ribella al suo abitante , mentre nelle guerre 15/18 45/47 il nemico si combatteva di fronte con armi questa e' una guerra peggiore il nemico c'e' ma noi dobbiamo subire armi nn ne abbiamo la subiamo GOVERNO VAI A CASA SUBITO posto ai giovani che nn sono politici ma persone comuni che vivono tutto il guiorno la evrita' dura e cruda . Lo so che per voi e' dura abbandonare il trono, sopratutto perche' dopo 30/40 anni nn avete piu' meracto e nn potete piu' rubare

    RispondiElimina
  2. Ciao, Grazie per il tuo commento che penso sia in questo momento il pensioro di molti italiani. Io però non credo che altri governi avrebbero fatto meglio vista la situazione Europea.
    Questo governo è un governo tecnico che si è preso la briga di prendere decisioni impopolari che altri governi non avrebbero preso: a mio modesto avviso abbandonare l'Euro è un saldo nel buio assoluto ma è l'unica alternativa al governo Monti.
    Si poteva forse tassare meno ma saremmo giunti in breve al dafault (fallimento dello stato)
    Si dovrebbero tassare di più i grandi patrimoni improduttivi e prendere altri soldi dagli scudati.
    Il governo dovrebbe fare più pressioni sull'Europa per un cambio di strategia, più soldi e meno rigidità sui bilanci. Se crolla l'Italia crolla tutta la zona Euro e questo soprattutto la Merkel che si oppone agli Euro bond lo dovrebbe sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido le tue brillanti, seppur logiche, deduzioni :)

      Elimina

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.