martedì 13 ottobre 2015

Aggiornamento a Windows 10: semplice come un service pack

Dopo un paio di mesi di attesa mi sono deciso a fare l'aggiornamento da Windows 8.1 a Windows 10, visto anche che alcuni clienti l'aveva già fatto da soli senza problemi.
L'icona in basso a destra che mi avvisa che l'aggiornamento era disponibile cominciava anche a darmi fastidio, così in occasione dell'incontro di calcio Azerbaijan-Italia ho fatto partire l'aggiornamento, che nella prima fase ha scaricato il pacchetto d'installazione di circa 3GB e poi ha continuato con una non meglio identificata fase di preparazione (sul momento non pensavo di scrivere della cosa e non ho fatto nessuno screen shot) che però non mostrava nessuna sbarra o indicatore di avanzamento.
Dopo circa un ora che tale finestra rimaneva inattiva, l'ho chiusa tramite Gestione attività, visto che altrimenti non si chiudeva

Devo premettere che ho lanciato l'upgrade a Windows 10 dopo diversi giorni che utilizzavo il notebook senza spegnerlo e forse questo può aver causato questo problema iniziale.

Riavviato il notebook ho aperto Windows Update, e fra gli aggiornamenti facoltativi c'era quello a Windows 10 (forse era ricomparsa anche l'icona di notiva sulla destra della barra delle applicazioni ma non ci ho fatto caso).

Faccio partire gli aggiornamenti e questa volta la fase che prima si era bloccata è comparsa per pochi secondi per poi passare alla fase di installazione vera e propria che inizia dopo il riavvio:
bella la grafica e tutte le informazioni sull'avanzamento, in questo fase hanno funzionato bene.
Dopo circa un ora e mezza e alcuni riavvii automatici, ho fatto il mio primo accesso a Windows 10 ed è stata un'esperienza gratificante, del tutto indolore.
Tutte le cose sono dove devono stare e non ti sembra di essere stato scambiato per l'utente di un tablet
(che è l'impressione che molti hanno avuto quando sono passati da Windows 7 a Windows 8)

Per quanto posso intuire anche anche il passaggio da Windows 7 a Windows 10 non è stato traumatico per chi l'ha già affrontato.

Tutto quello che funzionava con Windows 8 ha continuato a funzionare dopo l'aggiornamento a Windows 10.

Un solo problema, con una chiavetta USB di Sky, che utilizzava un driver non firmato: ma dopo qualche ricerca sul web e un paio di tentativi infruttuosi sono riuscito a far funzionare i driver scaricati per la chiavetta.

Per ora non sto usando alcune delle nuove caratteristiche introdotto con Windows 10 tipo l'assistente Cortana o il nuovo browser Microsoft Edge, ma ho potuto già apprezza alcune piccole novità nell'esperienza d'uso relative ad esempio al posizionamento delle finestre, alla visualizzazione attività o il nuovo esplora file.
O anche il solo fatto di poter aprire le app in finestra non ha prezzo!

Fare o meno l'aggiornamento a Windows 10?
Lo consiglierei di sicuro a chi ha Windows 8.1, ma anche a tutti quelli che  usano il PC per svago.
Sembra Windows 10 sfrutti la batteria di un notebook molto meglio soprattutto rispetto a Windows 7, ma se avete un pc lento con Windows 7 non aspettatevi miracoli sul piano della velocità.
Per chi invece utilizza il PC per lavoro penso che non ci sia fretta di fare l'aggiornamento,
ma visto che tale aggiornamento sarà gratuito solo per il primo anno,  penso sia opportuno programmarlo se non ci sono motivi noti per non farlo.

Conclusione:
Se il buongiorno si vede dal mattino Windows 10 va promosso a pieni voti!
Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.