martedì 10 dicembre 2013

Le modelle della pubblicità: Belen Rodriguez per WeChat

Continua la collaborazione fra la celebre show girl argentina e l'azienda cinese Tencent proprietaria del servizio di messaggistica istantanea WeChat.

Nella seconda pubblicità in onda in questi giorni l'ambientazione è familiare, e partecipa allo spot anche suo marito, il ballerino Stefano De Martino.
Nello spot c'è anche un bambino ma non si tratta del figlio di Belen, Santiago, ma di un suo sosia.
Un preoccupato Stefano interrompe il video game con gli amici per recarsi  in cucina: si interroga sull'autore delle foto ricevuto visto che Belen non risponde al suo messaggio vocale. Scoprirà che è stato il loro piccolo, ancora sul seggiolone, ad inviargli le foto della mamma tramite WeChat.



Nel primo spot una sensuale ma imbranata Belen, cerca di inviare dei messaggi di testo mentre si reca, camminando, ad un appuntamento, ma urta ripetutamente altre persone provocando dei piccoli incidenti. Nel frattempo viene confrontata con un'altra modella che invece riesce a scansare tutti gli ostacoli senza problemi perché invece di scrivere invia dei messaggi vocali. Tocca poi a Belen provare la comodità della funzione Push To Talk di WeChat



La colonna sonora di entrambi gli spot è tratta dal brano Troublemaker (dal CD Thamesbeat - 1996) del gruppo pop inglese The Pleasers.

WeChat, che sembra abbia superato i 600 milioni di utilizzatori nel mondo, e che promette rimarrà gratuita, punta molto sugli spot televisivi. Dalla scorsa estate il suo testimonial di punta a livello mondiale è il fuoriclasse argentino Leo Messi.
Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.