giovedì 11 agosto 2016

El pibe de oro: significato - Non solo Maradona

Lo scorso autunno avevo iniziato a scrivere un articolo relativo alle statistiche su calci di rigore calciati da Diego Armando Maradona (56 anni da compiere il 30 ottobre 2016)  e ad un certo punto mi sono incuriosito sull'appellativo "El pibe de oro" con il quale è universalmente conosciuto, Pensando a Maradona e alla sua abilità con i piedi verrebbe quindi da pensare, quasi istintivamente, che il citato appellativo significhi "Il piede d'oro" ma, come la maggioranza degli appassionati di calcio sanno non è questo il giusto significato.
"El pibe de oro" significa "Il ragazzo d'oro", traduzione che però a me non piace molto in quanto in italiano l'espressione è "un ragazzo d'oro" è molto usata con il significato nettamente prevalente di bravo ragazzo (ad esempio nel caso di una nonna che parla del nipote) anche se la frase "Il ragazzo d'oro" è utilizzata con significato simile a El pibe de oro: "Gianni Rivera è stato forse l'ultimo ragazzo d'oro del calcio italiano", o meglio Golden Boy come veniva chiamato.
Lasciamo l'italiano ma soprattutto l'inglese altrimenti si aprirebbero percorsi di ricerca molto vasti e concentriamoci sullo spagnolo.

Facendo riferimento al sicuramente autorevole dizionario della lingua spagnola della Real Academia Española (dle.rae.es) vediamo che la parola "pibe" è un termine colloquiale utilizzato in Argentina e Bolivia, con due significati prevalenti:
1) bambino o ragazzo (Niño o joven) (anche in Uruguay e in Spagna gergalmente)
2) affettuoso titolo di cortesia.

Le origini della parola sembrano però italiane o meglio genovesi:
deriverebbe dalla parola del dialetto genovese "pive", che significa apprendista o ragazzo di bottega (fonte).  Maradona, nel 1981, ha giocato per un anno (*) nel Boca Juniors, squadra del campionato argentino chiamata anche Xeneize (da "zeneixe", genovese nel dialetto della città ligure).
I tifosi e calciatori del Boca vengono appunto chiamati Xeneizes.
"La Boca" è il quartiere portuale di Buonos Aires, con uno dei porti più grandi al mondo, che attirò lo scorso secolo decine di migliaia di genovesi.
Gli abitanti del quartiere parlavano castigliano e genovese a tal punto che ai principi del XX Secolo, le maestre dovevano conoscere il genovese per poter comunicare con i bambini. (fonte)

Non so se l'appellativo El pibe de oro sia stato dato a Maradona durante la sua breve (*) militanza al Boca oppure già in precedenza nei cinque anni in cui ha giocato con l'Argentinos Juniors, altro club calcistico della capitale argentina, fatto sta che proprio nel Boca ha militato per 13 anni, dal 1934 al 1947, vincendo cinque titoli nazionali, Ernesto Lazzatti  (25 settembre 1915 – 30 dicembre 1988), calciatore e allenatore argentino, anche lui soprannominato El pibe de oro, per il suo talento e abilità messi in mostra sin da giovane.(fonte)
Termino infine con le note di un altro ragazzo d'oro, sempre da Buenos Aires, ma affermatosi nel campo della musica e del tango, Enrique de Lorenzo (8 luglio 1900 - 11 agosto 1951), pianista, direttore d'orchestra e compositore. (fonte - foto)



(*) Maradona, a fine carriera, è tornato a giocare per due anni a fine carriera nel Boca, ma era ormai da tempo noto come El pibe de oro. La breve militanza (1981) a cui faccio riferimento è tale se paragonata ai cinque anni trascorsi all'Argentinos Jrs (a cui vanno aggiunti gli altri sei anni nelle giovanili)
Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.