domenica 29 marzo 2015

Vettel-Ferrari: Trionfo in Malesia

Seconda prova del Mondiali di Formula 1 sul circuito di Sepang in Malesia: la Ferrari trionfa con una vittoria netta al di là delle più rosee previsioni.
L'ottima prima fila conquistata da Vettel in qualifica e il passo gara risultante dalle prove libere facevano bene sperare.
Vettel mantiene la seconda posizione al via dietro Hamilton respingendo con decisione l'attacco di Rosberg alla prima curva.
Hamilton tenta di andar via ma non guadagna molto e Rosberg non riesce a pressare il pilota Ferrari.
Male Raikkonen, che partito 11 fora poi nella bagarre toccato alla gomma posteriore.
Un lunghissimo giro su tre ruote per il pilota finlandese per arrivare ai box. Sembra una gara maledetta, invece da quel momento in poi la ruota della fortuna gira.
L'ingresso della Safety Car fa subito capire che non sarà la solita gara con le Mercedes davanti e gli altri a lottare per il terzo posto. Le frecce d'argento decidono di sfruttare il momento per cambiare le gomme: che temano davvero la Ferrari?
Vettel non cambia pneumatici, le sua guida e la sua Ferrari sembra usurino molto meno le gomme sul caldissimo asfalto della pista di Sepang.
Così, non si sa ancora per quanti giri, vediamo una Ferrari al comando, mentre l'altra inizia la sua rimonta. Pochi giri dopo che la safety car è rientrata si capisce subito che è possibile sognare, che oggi le Mercedes non sono imbattibili.
Hamilton e Rosberg hanno una macchina con molto carico aerodinamico, imprendibile nel secondo settore, ma lenta in rettilineo. Fra Hamilton e Vettel ci sono delle macchine più lente da superare e quando il pilota inglese riesce a conquistare la seconda posizione Vettel ha già una decina secondi di vantaggio. Hamilton rimonta qualcosa ma si vede che le sue gomme perdono rapidamente la migliore performance.
Vettel guadagna abbastanza da poter cambiare pneumatici e rientrare in terza posizione. Supera Rosberg in crisi di gomme con facilità e poi di nuovo primo quando Hamilton a sua volta deve cambiare.
Le gomme morbide del pilota inglese si degradano rapidamente e si dovrà presto fermare di nuovo.
La vittoria non è più una chimera, diventa sempre più una certezza. Nel frattempo Raikkonen completa la sua rimonta raggiungendo la quarta posizione.
Nel finale Hamilton non guadagna più niente su Vettel, anzi deve guardarsi dalla rimonta del compagno di scuderia.
Vettel ha sufficiente vantaggio per poter tagliare il traguardo zigzagando.

È meraviglioso sentirlo gioire anche e soprattutto in italiano!

E pensare che fino a qualche gran premio fa era tanto antipatico...
Un tedesco su una rossa italiana, una storia di successo già vista non molti anni fa.
Sarebbe bello rivedere ancora Schumacher aggirarsi fra i box del circus, anche solo come spettatore.

Un saluto anche allo sfortunato Alonso, che ha lasciato le Rosse nel momento sbagliato, a cui auguro di avere presto fra le mani una McLaren competitiva, almeno per il quinto posto!

Per ora godiamoci questa vittoria e vediamo le prossime gare, se davvero si può sognare, anche solo di lottare per il campionato.
Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.