martedì 29 aprile 2014

Un attraversamento pedonale troppo lontano

A Castiglione della Pescaia ci vado abbastanza spesso avendo la possibilità di sfruttare un appartamento, ma il mio modo di vedere le cose è più quello del turista abituale che del residente.
Il Ponte Giorgini collega la zona a Nord del Fiume Bruna con la zona Sud, ed è solitamente abbastanza trafficato in quanto raccoglie parte del traffico lungo la costa verso Marina di Grosseto e Principina a Mare a Sud e Follonica e Piombino a Nord.
Via del Ponte Giorgini è invece una strada senza uscita che parte dal centro del ponte per arrivare dopo qualche centinaio di metri alla marina di Castiglione della Pescaia: non si può dire che sia una strada particolarmente traffica, anzi.

Il ponte è costeggiato da un marciapiede abbastanza alto,  con delle catenelle nella curva verso la marina, atte a sconsigliare l'attraversamento in prossimità della carreggiata principale.

Le catenelle fino ad un paio di anni fa si protendevano solo per alcuni metri, anche se le strisce pedonali erano poste molto più in basso. Poi, credo nel 2012, sono state allungate fino a raggiungere le strisce pedonali, poste a circa 25 metri dal bivio.

Quella che doveva essere un mossa nell'ottica della maggiore sicurezza ha provocato invece l'effetto contrario, spingendo la maggior parte dei pedoni ad attraversare in cima alla strada passando sotto le catenelle o scavalcandole. In effetti allungare di una cinquantina di metri il percorso, quando non si vede passare una macchina, non sembrava una cosa molto di buon senso.
Tutte quelle persone che passavano sopra o sotto le catenelle non devono essere passate inosservate all'amministrazione comunale che ha optato per un compromesso: interruzione delle catenelle dopo qualche metro per permettere il passaggio dei pedoni su di una nuova serie di strisce pedonali, riservando le strisce più lontane a carrozzine e biciclette, in quando in corrispondenza del nuovo attraversamento il marciapiede non è stato smussato, e presenta uno scalino abbastanza alto.

Quindi i pedoni dovrebbero usufruire del primo attraversamento mentre i mezzi con rotelle del secondo più lontano: sarà cosi?
Secondo me, dato lo scarso traffico in direzione del porto, bastava un'unica serie di strisce con scivolo, a cinque metri dal bivio, per permettere ad almeno una vettura di svoltare senza bloccare il flusso principale per via degli eventuali pedoni che attraversano


Le foto sopra sono state scattate questa primavera, mentre le foto sotto, da Google Street View, illustrano la situazione precedente.

Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.