mercoledì 20 marzo 2013

Dio li fa e poi li accoppia: Sallusti & Santanchè


Io sono di quelli che sostengono che i proverbi di solito non ci azzeccano, ma ogni regola ha le sue eccezioni. E nel caso di Sallusti e Santanchè, mai proverbio fu più azzeccato. Una premessa, anche chi come me non è rigidamente schierato, o comunque anche parteggiando cerca di vedere per quanto possible le ragioni della parte avversa, non può fare a meno di schierarsi su alcuni temi fondamentali della vita sociale e politica italiana. Il solito nome: Silvio Berlusconi. E' difficile essere neutrali: o si è pro o si è contro. Ed io sono decisamente contro (anche se devo ammettere che l'ho spesso invidiato e per questo chiedo venia alle eventuali lettrici di sesso femminile). E chi è contro penso concorderà con me:
se c'è  una cosa che accomuna i due involontari protagonisti di questo post è l'antipatia.
Difficile fare una classifica, ma sicuramente Alessandro Sallusti e Daniela Santanchè sono nella Top Ten, e a mio avviso, soprattutto Sallusti è un ottimo candidato per la prima posizione, ma si guardi le spalle proprio dalla sua compagna che potrebbe anche fargli lo sgambetto.

Su gradisco.com ho trovato la seguente classifica dei più sgraditi opinionisti e presentatori televisivi:

1) Alessandro Sallusti (165 Voti) -  2) Giuliano Ferrara (151 Voti)
3) Bruno Vespa (131 Voti) - (4) Filippo Facci (102 Voti)
Vittorio Feltri (93 Voti) - Gad Lerner (78 Voti)


Mentre un articolo del Tgcom24 dell'aprile 2008 pone di diritto la Santanchè in cima alla classifica delle antipatiche che in un precedente sondaggio era capeggiata da Elisabetta Gregoraci, davanti a Simona Ventura, Afef e Monica Bellucci.

Vi risparmio la biografia della mia coetanea Santanchè, imprenditrice e deputata del PDL, nonché quella del cinquantaseienne giornalista, direttore de Il Giornale: per i più prigri riporto sotto le relative pagine di Wikipedia.

Mi limiterò a sottolineare che la bionda Daniela (di sicuro non è rossa!) è titolare della società di pubblicità Visibilia che è concessionaria della raccolta pubblicitaria de Il Giornale di Paolo Berlusconi. La società è stata fondata nel 2007 e prima era concessionaria di Libero e Il Riformista. Sallusti è stato direttore di Libero ed ora è direttore de Il Giornale. Con tutti questi rapporti di lavoro era ovvio che nascesse un altro tipo di rapporto.
A questo punto la domanda sorge spontanea: quando si sono messi insieme?
All'incirca dal 2010 i due sono stati oggetto di Gossip ma avevano sempre negato.

Nel 2011 il giornale Chi aveva fotografato la coppia:
I fotografi di 'Chi' hanno beccato Daniela Santanché e Mortimer Sallusti, direttore del 'Giornale', che felici passeggiano per le strade di Milano nel giorno del compleanno (50 anni) della sanguigna e botuligna sottosegretaria berlusconiana. Nonostante abbiano spesso smentito la loro relazione, i due si tengono la mano mentre girano per i negozi del centro. [da qn.quotidiano.net ]
Il bacio dell'ufficialità è stato paparazzato a marzo 2012. Successivamente, a dicembre, gli arresti domiciliari per il caso Dreyfus , trascorsi a casa della Santanchè.


Fonti/Link:
http://www.gradisco.com/category/i-piu-sgraditi/
http://www.tgcom24.mediaset.it/gossip/articoli/articolo409762.shtml
Sallusti e Santanchè, è amore: bacio nel parco e tenerezze - ilmessaggero.it
http://qn.quotidiano.net/gossip/2011/04/13/489811-pillole_gossip.shtml
http://it.wikipedia.org/wiki/Daniela_Santanchè
http://it.wikipedia.org/wiki/Alessandro_Sallusti


Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.