lunedì 25 giugno 2012

La macchina fotografica da un gigapixel

Un gruppo di ricercatori statunitensi ha costruito un dispositivo in grado di catturare immagini con una risoluzione elevatissima: un gigapixel. Lo studio su Nature 
 di Anna Lisa Bonfranceschi



Dimenticatevi i megapixel: arriva la macchina fotografica che cattura immagini da un gigapixel (mille megapixel). L'hanno realizzata gli ingegneri della Duke University in collaborazione con i colleghi dellaUniversity of Arizona, grazie anche al contributo dell'Agenzia statunitense della difesa, la Darpa. Il dispositivo è stato presentato sulle pagine di Nature


La macchina realizzata dagli scienziati si chiama Aware-2, e anche se non è esattamente quel che si definirebbe una compatta (misura 75 x 75 x 50 centimetri) i ricercatori promettono che nell'arco di cinque anni le dimensionipotranno essere ridotte fino a realizzare un apparecchio portatile paragonabile a quelli oggi in commercio. La macchina, spiegano gli esperti è potenzialmente in grado di catturare istantanee fino a 50 gigapixel di risoluzione, e promette così di rivoluzionare il mondo della fotografia nei prossimi anni.




Continua dopo una foto di Seattle, scattata con la gigacamera (non alla reale risoluzione): 




L'elevata risoluzione – pari circa a cinque volte quella della visione umana in 20/20 su un campo orizzontale di 120 gradi - è ottenuta grazie all'azione combinata di 98 diverse microfotocamere (ognuna con un sensore da 14 megapixel), come spiega  David Brady della Duke University, a capo dello studio: “ Ciascuna delle microfotocamere cattura informazioni da una specifica area del campo visivo. Un processore quindi mette essenzialmente insieme tutte queste informazioni in una singola immagine altamente dettagliata. In molti casi, la fotocamera riesce a catturare immagini di cose che i fotografi non possono vedere ma che possono poi essere viste in seguito”.


Come un' immagine scattata dai ricercatori in una riserva naturale: l'analisi post ha permesso di mettere a fuoco, distintamente, cose invisibili all'occhio, come gruppi di cigni in volo.


Solo il 3% della fotocamera conta elementi ottici, il resto lo fanno l' elettronica e i processorinecessari per assemblare tutte le informazioni (è il raffreddamento di tutte le diverse componenti a limitare, per ora, le dimensioni della fotocamera). Come spiega Michael Gehm dell' Arizona University, infatti, la strategia utilizzata per costruire la telecamera non è stata quella di aumentare il sistema di ottiche, quanto piuttosto quello di metter insieme un complesso array di elementi elettronici paralleli:“Una lente obiettivo condivisa raccoglie la luce e la indirizza verso le microfotocamere che la circondano, proprio come un rete di computer distribuisce 'pezzi' alle postazioni di lavoro individuali. Ognuna riceve una visione diversa e lavora sulla sua piccola parte del problema. Abbiamo quindi fatto in modo che ci fosse qualche sovrapposizione in modo da non perdere nulla”, ha concluso lo scienziato.


Via wired.it
Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.