giovedì 10 maggio 2012

Arrestati capi ultras del Bari

Ultrà? Di certo non tifosi!

Da Arrestati capi ultrà del Bari - Tentarono di imporre la sconfitta
Sono scattate le manette per Roberto Sblendorio e Raffaele Lo Iacono, mentre Alberto Savarese ha ottenuto gli arresti domiciliari. Si tratta dei 3 capi ultrà del Bari che, durante lo scorso campionato di serie A, minacciarono alcuni calciatori del club biancorosso di perdere 3 partite: Bari-Sampdoria, Cesena-Bari e Bari-Chievo
Posso capire (anche se non condivido) gli eccessi degli ultras quando minacciano dirigenti e giocatori perché non sono contenti del comportamento della loro squadra, o quando si scontrano con le tifoserie di altre squadra, ma minacciare calciatori della propria squadra affinché perdano delle partite al fine di poter fare delle scommesse sicure sulle sconfitta, in questo caso, del Bari, davvero mi sembra fuori da ogni logica, pur se fosse stata già certa la retrocessione del Bari!


I primi a rivoltarsi, e spero sia così, dovrebbero essere gli stessi tifosi del Bari, che quella gente in curva non dovrebbero più volercela vedere!

Capisco più l'atto di un calciatore che tradisce la propria squadra, alla fine nient'altro che un mercenario che viola il proprio contratto, che qualcuno che si spaccia per tifoso solo per sfogare la sua aggressività e poi non esita ad andare contro quelli che avrebbero dovuto essere i suoi sentimenti, la ragione del suo essere ultrà.

Se ti è piaciuto quello che hai letto o l'hai trovato utile e/o interessante lascia un segno del tuo passaggio: condividi sui social o lascia un commento. Grazie!

0 commenti:

Posta un commento

Ringrazio tutti quelli che vorranno lasciare un commento o che seguiranno o sottoscriveranno il mio blog. Il linea di massima cercherò sempre di ricambiare.
Nel caso vogliate fare delle richieste o dei commenti off-topic ossia non collegati all'argomento dell'articolo, vi sarei grato se li postate sulla pagina Facebook del blog. Grazie!
Ho dovuto purtroppo attivare la moderazione a causa di alcuni commenti offensivi nei confronti di terzi.